SOMATROPIN 

Proprietà farmacologiche 

Ormone della crescita umano ricombinante. È un peptide di 191 aminoacidi, identico all’ormone della crescita ipofisario umano nella sequenza e nella composizione aminoacidica, nonché nella mappa peptidica, nel punto isoelettrico, nella massa molecolare, nella struttura isomerica e nell’attività biologica. Ha effetti anabolici e anticatabolici, influisce sul metabolismo, sulla crescita e sullo sviluppo del corpo. Interagisce con recettori specifici di diversi tipi di cellule, tra cui miociti, epatociti, adipociti, linfociti e cellule ematopoietiche. Alcuni dei suoi effetti sono mediati da un’altra classe di ormoni, le somatomedine (IGF1 e IGF2). In modo dose-dipendente, la somatropina provoca un aumento di IGF1, IGFBP3, acidi grassi non esterificati e glicerolo, una diminuzione dei livelli di urea nel sangue e di azoto nelle urine e una diminuzione dell’escrezione di sodio e potassio. In caso di utilizzo di dosi elevate, può verificarsi una relativa saturazione degli effetti della somatropina. Ciò non vale per la glicemia e l’escrezione urinaria di C-peptide, che aumentano significativamente solo dopo l’uso di dosi elevate (20 mg). La farmacocinetica è lineare quando si somministrano dosi fino a 8 UI (2,67 mg). A dosi superiori (60 UI o 20 mg) non si può escludere un certo grado di non linearità, che tuttavia non ha alcuna rilevanza clinica. Dopo somministrazione endovenosa a volontari sani, il volume di distribuzione all’equilibrio è di quasi 7 litri, la clearance totale è di 15 l/h, mentre la clearance renale è trascurabile. Il T½ è di 20-35 minuti. Dopo una singola somministrazione p/k e i/m, il T½ terminale è leggermente più lungo, 2-4 ore. La concentrazione dell’ormone della crescita nel sangue raggiunge il suo massimo in circa 4 ore e ritorna al livello iniziale entro 24 ore, il che indica che non c’è cumulo di ormone della crescita con la somministrazione ripetuta. La biodisponibilità in entrambe le vie di somministrazione è del 70-90%. 

Indicazioni SOMATROPIN 

Ritardo di crescita nei bambini dovuto a una ridotta o assente secrezione di ormone della crescita endogeno; ritardo di crescita nelle bambine con disgenesia gonadica (sindrome di Turner), confermata dall’analisi cromosomica. 

Uso di SOMATROPIN 

La dose deve essere stabilita individualmente in base alla superficie o al peso corporeo del paziente. Si raccomanda di somministrare prima di coricarsi secondo le seguenti raccomandazioni: Ritardo di crescita dovuto a un’inadeguata secrezione dell’ormone della crescita endogeno: 0,7-1,0 mg/m2 o 0,026-0,035 mg/kg/die p/k. Ritardo di crescita nelle ragazze dovuto a disgenesia gonadica (sindrome di Turner): 1,4 mg/m2/giorno o 0,045-0,050 mg/kg p/p. La terapia concomitante con steroidi anabolizzanti non androgeni in pazienti con sindrome di Turner può aumentare il tasso di crescita. Il trattamento viene interrotto quando l’aumento della crescita è sufficiente per un adulto o quando le epifisi sono chiuse. 

Controindicazioni

Non deve essere somministrato a bambini con chiusura delle epifisi (arresto della crescita ossea), così come a pazienti con ipersensibilità alla somatropina, in presenza di neoplasie. 

Effetti collaterali

In circa il 10% dei casi si notano iperaemia e prurito della pelle nel sito di iniezione. Alcuni pazienti possono formare anticorpi contro la somatropina; il significato clinico di questo fatto non è stato stabilito. In casi isolati, se la bassa statura è dovuta a una delezione nel complesso genico dell’ormone della crescita, il trattamento con ormone della crescita può indurre la produzione di anticorpi che inibiscono la crescita. Può verificarsi un’epifisiolisi con coinvolgimento dell’articolazione femorale. Un bambino con claudicatio di genesi non chiara deve essere esaminato. 

Istruzioni speciali 

L’esperienza clinica sull’uso dell’ormone della crescita in gravidanza è limitata. Gli studi sperimentali non hanno evidenziato effetti negativi diretti o indiretti sulla gravidanza, sullo sviluppo fetale, sul travaglio e sullo sviluppo postnatale, ma è necessario usare cautela nella somministrazione durante la gravidanza. Gli ormoni proteici endogeni possono essere escreti con il latte materno, ma la probabilità di assorbimento di proteine immutate dal tratto digestivo di un neonato è bassa. Il trattamento deve essere effettuato sotto la supervisione sistematica di uno specialista con esperienza nella diagnosi e nel trattamento di pazienti con deficit dell’ormone della crescita. Durante la terapia con somatropina può svilupparsi ipotiroidismo, per cui è necessario effettuare periodicamente uno studio della funzione tiroidea. L’eventuale ipotiroidismo deve essere corretto con la somministrazione di ormoni tiroidei per ottenere un effetto terapeutico sufficiente durante il trattamento con ormone della crescita. I pazienti con neoplasie intracraniche o extracraniche in remissione che ricevono la terapia con l’ormone della crescita devono essere visitati da un medico a intervalli regolari. I pazienti con deficit di crescita dovuto a un tumore intracranico devono essere valutati periodicamente per verificare l’eventuale progressione o recidiva della malattia di base. È stata riportata una maggiore incidenza di leucemia nei bambini con deficit di ormone della crescita non trattati o trattati con ormone della crescita rispetto a quelli senza deficit di ormone della crescita. Non è stata stabilita una relazione causale con la terapia con ormone della crescita. In caso di cefalea intensa, disturbi visivi, nausea e vomito, si raccomanda un esame del fondo oculare per rilevare l’edema del disco ottico. Se la diagnosi è confermata, si deve prendere in considerazione la possibilità di un’ipertensione intracranica benigna e interrompere il trattamento con somatropina. Se il trattamento con l’ormone della crescita viene successivamente ripreso, è necessario un attento monitoraggio dei sintomi dell’ipertensione intracranica e il trattamento deve essere interrotto in caso di recidiva. La somministrazione dell’ormone della crescita è accompagnata da una breve fase di ipoglicemia per 2 ore e poi, nelle successive 2-4 ore, da un aumento dei livelli di glucosio nel sangue, nonostante l’elevata concentrazione di insulina. Per individuare l’insulino-resistenza, il paziente deve sottoporsi a un test di tolleranza al glucosio. La somatropina deve essere usata con cautela nei pazienti con diabete mellito o in presenza di una storia familiare di diabete mellito. Nei pazienti con diabete mellito può essere necessaria una correzione della terapia antidiabetica. In tutti i pazienti con malattia acuta grave, deve essere valutato il rapporto tra il possibile effetto terapeutico della somministrazione dell’ormone della crescita e il rischio potenziale. Per prevenire lo sviluppo di lipoatrofia, è necessario cambiare i siti di iniezione. In caso di edema prolungato o di parestesia grave, la dose di somatropina deve essere ridotta per prevenire lo sviluppo della sindrome del tunnel carpale. 

Interazioni 

La terapia concomitante con GCS può ritardare l’effetto terapeutico della somatropina. Può aumentare la clearance di composti metabolizzati dal citocromo P450 3A4 (ormoni sessuali, corticosteroidi, anticonvulsivanti e ciclosporina). 

Sovradosaggio 

È probabile che si verifichi ipoglicemia seguita da iperglicemia. Il sovradosaggio cronico può causare lo sviluppo di gigantismo e/o acromegalia, che si associano ad altre manifestazioni note di eccesso di ormone della crescita nell’uomo.

Visualizzazione di 1-16 di 29 risultati